telefono  0342 527111     PEC cciaa@so.legalmail.camcom.it   

     

al servizio delle imprese
Marchio Valtellina

Sacchi monouso per asporto delle merci

A partire dal 21 agosto 2014, con l'entrata in vigore della Legge 11 agosto 2014 n. 116, che converte con modificazioni il Decreto Legge 24 giugno 2014 n. 91 "Competitività", è operativo il sistema sanzionatorio in materia di commercializzazione dei sacchi monouso per asporto delle merci non conformi alla normativa vigente.

Depliant informativo

La disciplina vigente non prevede alcun regime transitorio che consenta l'ulteriore utilizzo delle scorte di magazzino di sacchetti non conformi alla legge.

A decorrere dal 13 agosto 2017 la normativa di riferimento è l'art. 226-bis  del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Norme in materia ambientale (dopo l'abrogazione dell'art. 2 del D.L. 25 gennaio 2012 n. 2, a cura dell'art. 9-bis, comma 3, lett. b) del D.L. 10 giugno 2017 n. 91 come convertito dalla L. 3 agosto 2017 n. 123. L'art. 9-bis dà attuazione alla Direttiva UE 2015/720 che modifica la precedente direttiva 94/62/CE con riferimento alla riduzione dell'utilizzo di borse di plastica in materiale leggero).

Ai sensi dell'art. 261, comma 4-quater del D.Lgs. n. 152/2006 l'accertamento delle violazioni compete agli organi di polizia amministrativa, mentre la competenza ad irrogare le sanzioni amministrative (quindi a ricevere i verbali di accertamento e/o sequestro emessi dalle autorità competenti) spetta alla provincia nel cui territorio è stata commessa la violazione (art. 262, comma 1, del D.Lgs. 152/2006). Dal 13 agosto 2017 è quindi venuta meno la competenza sanzionatoria delle Camere di commercio in tale ambito.

SANZIONI APPLICABILI
La commercializzazione dei sacchi non conformi alle suddette prescrizioni è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 2.500 euro a 25.000 euro, aumentata fino al quadruplo del massimo se la violazione del divieto riguarda "ingenti quantitativi  di borse di plastica oppure un valore di queste ultime superiore al 10 per cento del fatturato del trasgressore, nonchè in caso di utilizzo di diciture o altri mezzi elusivi degli obblighi  di cui agli articoli 226-bis e 226-ter"  (art. 4, commi 4-bis e 4-quater, D.Lgs. 152/2006).
All'accertamento delle violazioni provvedono tanto gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria, quanto gli organi di polizia amministrativa, d'ufficio o su denunzia (Polizia Municipale, G.d.F., Corpo Forestale dello Stato, etc.).
Se il trasgressore non provvede, a seguito della contestazione immediata della violazione o della notifica del relativo verbale, al pagamento della sanzione in misura ridotta (pari a € 5.000 entro 60 giorni dalla contestazione o notifica della violazione), il funzionario o l'agente che ha accertato la violazione presenta alla Provincia (e non più alla Camera di commercio) nella quale è stata commessa la violazione il rapporto previsto dall'articolo 17 della l. n. 689/1981.
La Provincia, se ritiene fondato l'accertamento, adotta l'ordinanza-ingiunzione con la quale determina la somma da pagare in un importo che va da 2.500 euro a 25.000 euro, applicando i criteri di cui all'art. 11 l. n. 689/1981 (gravità della violazione, condizioni economiche del trasgressore etc.). In caso contrario, emette ordinanza motivata di archiviazione degli atti. I trasgressori possono presentare alla Provincia scritti difensivi e documenti, e chiedere di essere sentiti ai sensi dell'art. 18 L. 689/81.